IL SINDACO CHIARISCE SULLA GIUNTA - Comune di Pieve Emanuele :: Municipio onLine

archivio notizie - Comune di Pieve Emanuele :: Municipio onLine

IL SINDACO CHIARISCE SULLA GIUNTA

 


Il Sindaco Festa è protagonista di questo video, in cui fornisce spiegazioni più approfondite sulla decisione comunicata venerdì scorso di azzerare le deleghe agli assessori comunali e valutare nuove nomine.

Risponde inoltre alle dichiarazioni rilasciate in un video dalla ormai ex assessora Paola Battaglia.

Ecco alcuni punti salienti.

Il Sindaco afferma: “Lo spirito di squadra è fondamentale ed è venuto meno e ora è chiaro il perché: da principio Paola Battaglia ha anteposto la propria ambizione rispetto alla buona riuscita complessiva degli obiettivi, che si nutre anche di un buon andamento dei rapporti personali e politici. Credetemi, i fatti relativi allo stalking sono solo una parte della storia.”

Sulle accuse di non aver sostenuto Paola Battaglia dopo l’arresto del suo stalker: “I miei toni sono stati comunque calibrati nel rispetto di quanto Paola Battaglia mi ha chiesto, ossia di non dare troppa enfasi alla questione. Vorrei sottolineare anche che nonostante la mia denuncia nei confronti del suo congiunto il Presidente Costanzo non ha mai reagito male nei mei confronti e, anzi, abbiamo un ottimo rapporto.”

Riguardo alle accuse all’ex Assessore Giovanni Cannistrà: “Le accuse di Paola e di altre persone riportate dai giornali, sono molto gravi e non capisco una cosa: come mai tirano fuori questi fatti solo adesso? Come mai si parla pubblicamente una volta fuori e non si è denunciato prima?”

Il Sindaco conferma la scelta di Pierluigi Costanzo come prossimo candidato alla carica di Sindaco del centro sinistra: “La scelta è caduta su Pierluigi Costanzo perché è benvoluto sul territorio, ma allo stesso tempo ha una personalità capace di unire e non di dividere, è capace di ascoltare.”

Festa conclude con forza: “La maggioranza non è né misogina, né maschilista, tantomeno insensibile: a sostegno di questo posso solo ricordare che le mie giunte sono sempre state a maggioranza femminile.”

“Io inviterei Paola Battaglia a non esasperare i toni, a non accusare di atti gravi coloro con i quali ha condiviso 8 anni di lavoro su un social: se ha elementi concreti e non sue supposizioni, si rivolga in modo serio alla procura della repubblica. Oppure più serenamente prenda atto che purtroppo può accadere di non ottenere ciò che si desidera.”

Ulteriori dettagli nel video.